Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Morbi eu nulla vehicula, sagittis tortor id, fermentum nunc. Donec gravida mi a condimentum rutrum. Praesent aliquet pellentesque nisi.

La Distribuzione come vessillo d’europa

Da un’idea straordinaria di Gianni Masciarelli e dalla sua continua ricerca dell’eccellenza anche al di fuori dei confini nazionali, nasce la Gianni’s Selection. Interpretandone la visione, Marina Cvetic continua ad arricchirne la gamma, per mettere a disposizione dei propri partner un’offerta sempre più completa, adatta ad ogni esigenza.

Sant’Omero (TE), Abruzzo – Italia

Valori

Nata nel 1996 nei comuni di Controguerrae Sant’Omero, in una delle migliori zone di produzione della DOC Montepulciano d’Abruzzo della provincia di Teramo nonché unica DOCG regionale, l’azienda agricola Valori consta oggi di 26 ettari di vigneti, per una produzione totale di 150.000 bottiglie all’anno. Rigoroso e appassionato, amante della vita semplice di campagna, Luigi Valori ha iniziato a misurarsi con il mestiere del vignaiolo dedicandosi con passione ai vitigni autoctoni abruzzesi, cui poi ha affiancato il Merlot.
La linea Valori si compone oggi di 6 etichette: Montepulciano d’Abruzzo Biologico DOC, Trebbiano d’Abruzzo Biologico DOC, Cerasuolo d’Abruzzo Biologico DOC, Abruzzo Pecorino Biologico DOC, Inkiostro IGT Colli Aprutini e Montepulciano d’Abruzzo DOCG Vigna Sant’Angelo. Dal 2005 la produzione Valori è distribuita dall’Azienda MASCIARELLI Tenute Agricole.

Atessa (CH), Abruzzo – Italia

Piretti

Nei primi anni del settecento, la famiglia Piretti di origine Torinese, avvia l’omonima caffetteria ad Atessa, in provincia di Chieti. Intorno al 1880 Federico jr. prende la guida dell’azienda e le dà un nuovo impulso entrando con successo nel mondo della liquoristica, allora in piena espansione, con la creazione del liquore alle erbe “Vallaspra” e del Punch al Mandarino, ricevendo medaglie onorifiche e diplomi al merito per i prodotti della sua attività durante esposizioni internazionali quali l’Esposizione Universale di Parigi del 1900 e l’Esposizione Internazionale in Giappone nel 1903.
Una delle creazioni nate dalla collaborazione con l’Azienda Masciarelli, ma dalla ricetta di Federico Piretti dei primi del ‘900, è la Tintura di Genziana. Dalle uve che compongono il Villa Gemma Bianco IGT Colline Teatine, da radici di genziana selezionate, arance biologiche, miele di Sulla e da tempi di lavorazione appropriati, è nato un liquore con un bagaglio aromatico importante, dotato di una componente alcoolica che accarezza il palato, di gradevole morbidezza e dal sapore della tradizione abruzzese.

Barolo (CN), Piemonte – Italia

Pira Boschis

Chiara Boschis è conosciuta per essere una delle prime donne produttrici di Barolo. Originaria di un’antica casata della zona – 8 generazioni di produttori di Barolo – inizia il suo percorso nel 1981 quando la famiglia acquista e le affida questa piccola ma prestigiosa cantina. I Pira, proprietari terrieri dal 1600 e patriarchi del Barolo tradizionale dal 1800, possedevano due ettari di vigne tra le più belle e rinomate del paese. Dal 2010 Chiara è affiancata dal fratello Giorgio, con il quale potenzia l’azienda aggiungendo circa 5 ettari.
La storica cantina è sita nel paese di Barolo, circondata dallo spettacolare anfiteatro di vigne dalle linee morbide: le Langhe. Fin dai primi anni ’90 la ricerca di Chiara è volta alla creazione di vini che siano il fedele riflesso del carattere delle sue vigne: fresco e fruttato il Dolcetto, morbida la Barbera, potente ed elegante il Barolo. La vinificazione avviene separatamente vigna per vigna, in purezza, a temperatura controllata. L’invecchiamento in legno di rovere e l’affinamento in bottiglia, in sapiente equilibrio, conducono a vini che sono l’espressione pulita e naturale del vitigno e della terra da cui provengono. L’Azienda vinifica solo uvew provenienti dai vigneti di proprietà, circa due ettari e mezzo, siti in alcune delle migliori zone del comune di barolo: Cannubi, Cannubi San Lorenzo e Monforte d’Alba, tutte ad altitudine di circa 300 metri s.l.m. L’Azienda dal 2014 è interamente Biologica.

Friuli Venezia Giulia Toscana – Italia

Prinčič

Antesignano della qualità sul Collio, pioniere dei grandi bianchi in macerazione del Friuli, autentico guru del nord est, Dario Princic è una leggenda vivente che con orgoglio rappresentiamo. Specialista di monovitigni tradizionali del Collio (Pinot grigio, Jakot, Ribolla gialla) aggiunti in micro-quantità di vitigni alloctoni, seppur espressi tassativamente solo da cloni locali (Sauvignon, Pinot bianco, Chardonnay, Merlot, Cabernet). Rari gli assemblaggi.
Dario Princic lavora 11 ettari vitati su spettacolari terrazzamenti nel paese di Oslavia, il cuore del Collio a pochi metri dal confine sloveno, oltre il quale possiede anche piccole parcelle vitate. Dario lavora esclusivamente con metodologie tradizionali, non usa lieviti selezionati, non filtra, non fa aggiustamenti e lascia lavorare il vino sulle fecce nobili per lungo tempo senza timore di compromettere il prodotto. La forza innata del Collio è nei suoi vini, che si contraddistinguono per buona struttura, eleganza ed impressionante precisione, nonostante lo stile “libero” di produzione.

Toscana – Italia

Corte dei Venti

Situata nella soleggiata parte sud-est del “Continente Montalcino”, sulle prime propaggini del Monte Amiata, montagna sacra del popolo etrusco, la “Corte dei Venti” si trova al centro di uno spicchio di terroir tra Sant’Angelo in Colle e Castelnuovo dell’Abate che si caratterizza per terreni collinari rossi, ricchi di argilla calcarea ferrosa, freschi e ben dotati di sostanze minerali. 14 ettari vitati di proprietà di Clara Monaci, terza generazione di vignaioli in Montalcino, che coltivano vigneti degradanti dai 300 ai 100 metri s.l.m., si estendono per circa cinque ettari – tre ettari a Brunello, un ettaro a Rosso di Montalcino e uno a Sant’Antimo – beneficiando di particolari condizioni microclimatiche e dei venti provenienti dal mare che soffiano sulla tenuta, garantendo la sanità delle uve e favorendo una maturazione graduale e completa dei grappoli. L’etichetta è una rosa dei venti, che vuol evocare proprio la realtà di questo territorio, dove la particolare confluenza dei venti, che soffiano costantemente, anche d’agosto, crea un clima tipicamente mediterraneo, privo di nebbie, con piogge primaverili, garantendo ai vigneti condizioni favorevoli e salutari per le viti dalla fase vegetativa fino alla vendemmia.

Douro, Cima Corgo – Portogallo

Quinta Nova de Nossa Senhora do Carmo

La Quinta Nova de Nossa Senhora do Carmo si trova nell’area di Cima Corgo, il cuore della viticoltura della valle del Douro, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 2001. Fu fondata nel 1756 da proprietari appartenenti alla casa Reale portoghese, nel 1999 è stata rilevata dalla famiglia Amorim, attualmente riconosciuta come il più potente produttore di sughero. Dei 120 ettari di terreno appartenenti alla tenuta, attualmente 85 ettari sono coltivati a viti, solo con varietà autoctone, per ottenere un sofisticato mix di vitigni tradizionali: Vinha Velha, Touriga Nacional, Touriga Franca, Tinta Roriz, Tinta Barroca, Tinto Cão, Tinta Amarela e Souzão. I vigneti si trovano su terrazze (Patamares) a un’altitudine media di 300 metri sul livello del mare. Il resto dei terreni è utilizzato come superficie di compensazione ecologica. La filosofia di Amorim è ben delineata: valorizzare e rendere identificabile il terroir specifico di Quinta Nova, producendo vini classici e garantendo l’alta qualità attraverso una viticoltura rigorosa, con continue innovazioni nei metodi di vinificazione.

Valle del Rodano – Francia

Domaine La Barroche

Una piccola azienda che ha iniziato ad imbottigliare solo nel 2004, ma con una storia di oltre 500 anni nella produzione vinicola di questa storica DOC della Valle del Rodano, sempre nelle mani della stessa famiglia.
La reputazione della cantina è stata costruita in pochissimi anni, essendo oggi riconosciuta dalla stampa e dalla critica internazionale come una delle assolute eccellenze di Chateauneuf. 11 ettari vitati, tutti ad alberello, buona parte costituita da piante ultracentenarie su terreni sabbiosi e ghiaiosi, battuti dal famigerato e fortissimo Vento di Maestrale della regione. Vini di grande eleganza, struttura e mineralità, con formidabili capacità d’invecchiamento.
Viticoltura biologica, selezione massale e rabboccatura delle botti a seguito di evaporazione, secondo la ricetta tradizionale. La potenza dei prodotti La Barroche rappresenta un faro di riferimento d’eleganza per la produzione di questa speciale appellazione.

Champagne, Vertus – Francia

Andrè Jacquart

Nasce nel 1958 la Tenuta situata nel Vertus, che prende nome dal suo fondatore Andrè Jacquart, importantissimo vigneron di Le-Mesnil. L’Azienda oggi è attivamente diretta da Marie Doyard e da suo fratello Benoit, nipoti di Andrè e pronipoti dal lato paterno di Maurice Doyards, fondatore del CIVC (Comitato Interprofessionale de Champagne). Da un’eredità di ben 24 ettari di vigneto (su 200 parcelle) da parte di entrambi i rami della famiglia, l’Azienda ha ripreso il marchio materno e lanciato nel 2004 il suo progetto votato all’eccellenza e basato su tre punti fondamentali: lunghe maturazioni sui lieviti (minimo 5 anni per i sans annèe, 8 per i millesimati), bassi dosaggi (intorno ai 3 g/l) e barrique per la fermentazione. La produzione è oggi di circa 100.000 bottiglie l’anno. In vendemmia, Marie seleziona le parcelle per omogeneità, quindi combina quelle adatte a essere pressate insieme non lavorando per parcelle, ma per aree di territorio, pertanto un primo assemblaggio avviene già in fase di pressatura. Importante notare che i vini non svolgono la malolattica.

Volnay, Borgogna – Francia

Maison
de Montille

Accanto all’azienda di famiglia Etienne e Alix DE MONTILLE hanno creato una “maison de negoce”, la Maison de Montille, per una produzione di circa 60 mila bottiglie, con lo scopo di realizzare vini bianchi che seguano la stessa filosofia di qualità e di rigore dei loro rossi (visto che possiedono meno di un ettaro di chardonnay).
Le bottiglie annue prodotte dall’azienda sono così salite a 75-80 mila. Alix De Montille d’altronde è da sempre in piena sintonia con la filosofia paterna, oltre ad essere la moglie di Jean Marc Roulot, uno dei più grandi produttori di vini bianchi di Borgogna, e ricerca uno stile di vino in cui più che l’opulenza si esaltino la dimensione verticale, il nerbo e la freschezza. La Maison de Montille è parte integrante dell’azienda familiare anche se vengono utilizzate solo uve acquistate che vengono però direttamente vendemmiate, in modo da poterne controllare la giusta maturità.

Puligny (Montrachet), Borgogna – Francia

Château de Puligny

In Borgogna, è qui che l’amore per il vino va oltre ogni limite perchè nasce dal massimo rispetto del territorio. Ed è qui che è nata una forte amicizia con un produttore di Volnay, Gianni Masciarelli era molto legato alla famiglia De Montille, certamente a Hubert, ma soprattutto a Etienne, che dal padre ha ereditato la direzione del domaine di famiglia. Ora, poiché Etienne non si occupa solo della propria azienda, ma è anche alla guida tecnica del Domaine Du Château de Puligny – Montrachet è ovvio che Masciarelli importi anche i vini di quest’altra azienda, una tenuta di 20 ettari di proprietà del Credit Foncier dal 1989. Già dal 1990 avvia un’importante opera di modernizzazione culminata con l’arrivo di Etienne.

Volnay, Borgogna – Francia

Domaine De Montille

Il Domaine de Montille è da molti anni un vero punto di riferimento per la produzione borgognona. L’intera famiglia De Montille, poi, dall’uscita del film-documentario Mondovino è ormai una delle più famose di tutta la Borgogna. Etienne e Alix, figli di Hubert, sono così diventati degli alfieri della vitivinicoltura dei piccoli produttori. Per rendere questi vini eleganti e armoniosi, le regole sono semplici: vinificazione con lunghe macerazioni, affinamento in barriques e imbottigliamento senza filtrazione.
L’azienda oggi conta circa 16 ettari vitati. La densità delle viti a Domaine de Montille è di 10.000 ceppi/ettaro, con una forma di allevamento a Guyot semplice. La viticoltura è rigorosamente biologica dal 1995 e il suolo è sempre stato arato. Etienne ha iniziato a sperimentare l’agricoltura biodinamica in Mitans che ha progressivamente ampliato in tutto il Domaine. Etienne sostiene, tuttavia, che l’agricoltura biodinamica non è un fine in sé, ma solo un mezzo per raggiungere il suo obiettivo: la produzione dei migliori vini possibile. Etienne non fa travasi, lasciando il vino “sul lie” anche fino a 23 mesi, senza chiarificazioni né filtraggi, realizzando anche un imbottigliamento meno forzato. “Quello che voglio ottenere per i miei vini alla fine si può riassumere in poche parole: finezza, purezza aromatica capacità di sfidare il tempo.”

Leiwen, Mosella – Germania

St.Urbans-Hof

La cantina è stata fondata nel 1947 da Nicolaus Weiss a Leiwen, piccolo paese sul fiume Mosella. Nicolaus inizia come calzolaio coltivando in parallelo anche la sua passione per il vino. Politicamente attivo, nel 1969 riceve il titolo di “Oekonomierats”, onorificenza riconosciuta a personalità particolarmente impegnate e attive nello sviluppo dell’economia, in questo caso dell’economia vitivinicola. Nicolaus Weiss sceglie il nome “CANTINA DI S. URBANO” per la sua attività, dal santo protettore del vino. Dopo la sua morte avvenuta nel 1971, il figlio Hermann con la moglie Ida, ha ampliato la proprietà con l’acquisto di altri vigneti nelle zone della Mosella e del Saar. Ad oggi la cantina ha 35 ettari ed è diventata una delle più famose della regione. Nik Weiss, il figlio di Hermann ed Ida, continua la tradizione di famiglia come responsabile dell’azienda.

Trier, Mosella – Germania

Karthäuserhof

Una delle aziende più antiche: la Karth che, avviata dai monaci certosini, produce vino dal 1335. Nel 1811, la casa vinicola viene venduta alla famiglia Rautenstrauch ed oggi viene gestita da Albert P. Behler, succeduto al cugino Christoph Tyrell. Si deve proprio a quest’ultimo la suddivisione in parcelle, a metà degli anni Ottanta, di questo grande vigneto collinare che oggi propone una serie di etichette, rappresentanti delle diverse realtà di questo Riesling che prospera nella valle Ruwer, nei pressi della cittadina di Trier. Disgregati terreni scistosi, con forte pendio, con esposizioni a sud-sud-ovest offrono le premesse ideali per la produzione di vini di altissimo livello, apprezzati soprattutto per la freschezza, la lunga conservazione e la mineralità elegante.

Gianni's selection

MASCIARELLI Tenute Agricole srl Via Gamberale 1,
San Martino sulla Marrucina
Chieti, Italia
T 39 0871 85241 F 39 0871 85330 info@masciarelli.it